Titolo dell'articolo del blog

Nasce tutto sui campi. Coltiviamo i nostri ulivi nelle varietà Moraiolo, Leccino e Frantoio, in un’oasi biologica tra i Monti Martani senza alcuna sintesi, i trattamenti effettuati nel corso dell'anno sono tutti “chemical free”. La raccolta avviene ancora "per brucatura", a mano; preservare l'integrità del frutto e proteggere la pianta è un’operazione delicata che richiede ancora la mano dell’uomo. Depositiamo le olive in cassa ben areate dove resteranno per un tempo brevissimo evitando un'eccessiva ossidazione dei frutti. Le olive vengono defogliate e lavate. Questo stadio evita che residui di terra e polvere possano unirsi alla polpa alterandone le caratteristiche naturali. Le olive deterse vengono sottoposte ad un processo meccanico (detto tecnicamente “molitura”) che provoca la rottura delle stesse, creando la "pasta" da cui successivamente stillerà l’olio. A questo punto entra in gioco l’esperienza del mastro oleario, dovrà ben gestire il processo di “gramolazione”, dando molta attenzione a mantenere per circa trenta minuti l’impasto a basse temperature (tra i 22 e i 27 gradi). Successivamente attraverso dei separatori centrifughi di ultima generazione avviene l’estrazione “a freddo”; senza aggiunta alcuna di acqua riusciamo a conservare numerose quantità di polifenoli e vitamine. Il prodotto ottenuto avrà una corposità superiore e profumi ineguagliabili.Nasce tutto sui campi. Coltiviamo i nostri ulivi nelle varietà Moraiolo, Leccino e Frantoio, in un’oasi biologica tra i Monti Martani senza alcuna sintesi, i trattamenti effettuati nel corso dell'anno sono tutti “chemical free”. La raccolta avviene ancora "per brucatura", a mano; preservare l'integrità del frutto e proteggere la pianta è un’operazione delicata che richiede ancora la mano dell’uomo. Depositiamo le olive in cassa ben areate dove resteranno per un tempo brevissimo evitando un'eccessiva ossidazione dei frutti. Le olive vengono defogliate e lavate. Questo stadio evita che residui di terra e polvere possano unirsi alla polpa alterandone le caratteristiche naturali. Le olive deterse vengono sottoposte ad un processo meccanico (detto tecnicamente “molitura”) che provoca la rottura delle stesse, creando la "pasta" da cui successivamente stillerà l’olio. A questo punto entra in gioco l’esperienza del mastro oleario, dovrà ben gestire il processo di “gramolazione”, dando molta attenzione a mantenere per circa trenta minuti l’impasto a basse temperature (tra i 22 e i 27 gradi). Successivamente attraverso dei separatori centrifughi di ultima generazione avviene l’estrazione “a freddo”; senza aggiunta alcuna di acqua riusciamo a conservare numerose quantità di polifenoli e vitamine. Il prodotto ottenuto avrà una corposità superiore e profumi ineguagliabili.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER